Su Spiral

Jump to navigation Jump to search
This page is a translated version of the page About Spiral and the translation is 100% complete.

Spiral vuole formulare un costrutto etico coerente, un'ideologia contemporanea che gli amanti della libertà possano applicare nelle loro vite e nei loro progetti. Noi raccogliamo e mettiamo insieme ideali ed azioni in uno sforzo collaborativo aperto a tutti i contributi.

La risposta a Special:MyLanguage/What is to be done?|Che fare?]] rimane ancora difficile da formulare e da applicare. Comunque, negli anni scorsi come nei secoli passati sono emerse tante buone idee. Molte persone, oggi, le mettono in pratica. E ancora di più si potrebbero aggregare a loro, se solo le conoscessero e venissero a conoscerne le ragioni. Il punto di inizio, ed il denominatore comune di tutto ciò che facciamo, è il principio della spirale.

Spiral è incominciata da capo e in molte lingue nell'estate del 2013, ma dietro c'è già un po' di storia...

OtraDemBanner.png

Nel 2001 nacque "Espiral" in forma di partito politico, dal fervore delle proteste contro la globalizzazione, le rivolte, i fatti dell'11 settembre, la crisi del Venezuela ed il declino mondiale delle democrazie. L'idea originale era di infiltrarsi come una specie di cavallo di Troia negli ambienti politici, mediatici ed aziendali, usando i loro stessi strumenti.

Manuale di pronto soccorso contro la mancanza di tempo.

Fu così che partecipammo in varie elezioni spagnole, insieme con il partito dei Motivados. Lo scopo era di far stampare e distribuire gratuitamente milioni di schede elettoraliin centinaia di libretti elettorali, mostrando ai votanti il messaggio "Un'altra democrazia è possibile", accompagnata dall'immagine di una mano che infila una scheda elettorale nel gabinetto. Organizzammo anche una spedizione massiccia di email ai deputati del parlamento spagnolo, chiedendo la loro opinione personale sui bombardamenti in Iraq. Progettammo inoltre un "Manuale di pronto soccorso contro la mancanza di tempo", che è un'epidemia moderna. Ed iniziammo un seminario di contro-pubblicità di denuncia pubblica, ed altri progetti.

Nella nostra esperienza, il maggiore problema incontrato è stato quello di diffondere i progetti. Solo "Un'altra democrazie è possibile" riuscì a mobilitare migliaia di persone in molte città, benché alla fine dovemmo lottare contro una stanchezza organizzativa. Intorno al 2005, la prima fase si era esaurita, ed il partito politico venne chiuso.

Più di dieci anni dopo, il mondo è ancora lo stesso, o forse è ancora peggiore. Sebbene sia passata quasi una generazione di attivismo, e le mobilitazioni ed i temi di oggi portino a stili e tattiche diverse, al di sotto della superficie le cause originarie dei problemi rimangono pressocché inalterate. Analogamente, queste cause sono ancora praticamente le stesse che venivano riconosciute dalle proteste civili del ventesimo secolo, e dei secoli antecedenti.

Il primo logo di Spiral.

Per questo motivo, abbiamo deciso di riattivare ed aggiornare una delle azioni intraprese da Spiral: la spirale dei valori. L'idea è che reagire e protestare non è abbastanza, se non si ha un apropria strategia. Andar dietro alle strategie politiche, mediatiche ed aziendali ai quattro angoli del pianeta è uno sforzo insostenibile. Ciò che importa è avere una propria strategia, basata su valori solidi, ed allearsi con coloro che condividono la stessa strategia e gli stessi valori, per raggiungere i propri obiettivi.

Pertanto, oggi il progetto Spiral è diretto a scoprire e connettere ideali, azioni e progetti rilevanti.

Other languages:
Deutsch • ‎English • ‎català • ‎español • ‎italiano • ‎português • ‎čeština